camping-ultima-spiaggia-barisardo-piscina17

Campeggio: tipologie, punti di forza e curiosità

Tabella dei Contenuti

 
Premessa
Abbiamo visitato gli hotel, siamo stati qualche giorno in un comodo residence e ora è giunta l’ora di proseguire il giro di ricognizione tra le varie tipologie di strutture ricettive più diffuse nel nostro territorio.
 
Stavolta, però, il soggiorno cambia veste ed assetto… Si va in campeggio!
Già il campeggio, una forma di turismo alternativa, una vacanza dal sapore agrodolce, che è un po’ come i capperi sulla pizza: o li ami o li odi.
 
Il campeggio, specialmente nella sua versione più vintage, era amato soprattutto da coloro che cercavano un’esperienza economica, pratica e a stretto contatto con la natura.
Oggi i campeggi si sono evoluti, hanno edificato sempre più comode alternative alla tenda, tendendo sempre più alla formula villaggio sia come servizi che come prezzi.
Ma facciamo un passo per volta e cominciamo dall’inizio.
 
Categoria scelta
Abbiamo deciso di proseguire il nostro itinerario scegliendo i campeggi proprio alla luce delle numerose curiosità che ormai li caratterizzano e che meritano qualche approfondimento.
 
Definizione
Il campeggio è la forma di turismo grazie alla quale soggiorni principalmente in tenda, roulotte o camper in spazi aperti o in aree adeguatamente attrezzate e organizzate dietro corrispettivo giornaliero.
 
Target Clienti
I clienti più fedeli dei campeggi sono le famiglie con bambini: questi rumorosi aggregati di parentela scelgono principalmente mete balneari.
Se hai figli in effetti la scelta è strategica, non usi l’auto, i bimbi sono liberi di scorrazzare all’aria aperta, si socializza tanto con gli altri campeggiatori e tu stesso sei più libero di goderti i tanto agognati momenti di relax.
Proprio per questo è necessario che in campeggio ci siano dotazioni adattate proprio ai più piccoli.
 
Altri avventori abituali dei campeggi sono le coppie e i gruppi di amici di giovane età. In quest’ultimo caso incide notevolmente l’aspetto relativo all’abordabilità economica prevista dal bivacco.
 
Caratteristiche
Il campeggio si suddivide innanzitutto in due grandi filoni: il campeggio libero e il campeggio organizzato.
Dicesi libero il campeggio con cui si piazza la tenda in posti in cui non è prevista un’organizzazione (una spiaggia, in montagna, in pineta ad es.) e per la quale non godi di alcun servizio. L’ ebrezza di questa forma di campeggio sta nel poter dormire in posti estremi e poco frequentati sebbene si rischi, spesso e volentieri, l’ anomalo risveglio da parte della Guardia Forestale (… che nulla a che vedere con le belle e ricche colazioni di cui abbiamo parlato).
Dicesi invece campeggio organizzato quello per cui, dietro il pagamento di una quota giornaliera, piazzi la tenda, la roulotte o parcheggi il camper e usufruisci al contempo di una serie di servizi comuni e di aree attrezzate.
 
Ed ecco le diverse tipologie di alloggio che puoi scegliere di ospitare o di utilizzare in campeggio.

La Tenda: intesa nella sua forma più classica e tradizionale stile Canadese, Igloo, Quechua che si monta in lancio e richiudibile solo grazie al solerte intervento Club Alpino Italiano.

La Roulotte: portate da casa o noleggiabili in loco. Tendenzialmente sono corredate da comode verande che creano un’anticamera spaziosa e pratica.

Il Camper: le aree per la loro sosta prevedono, invece, spazi in cui parcheggiarsi e avere a disposizione vuotatori per WC chimici.

Le Case Mobili: sempre più diffuse, si tratta di prefabbricati con le dotazioni di un vero e proprio appartamento. Solitamente di dimensioni ridotte ma ben organizzate, dotate di bagno e cucina.

I Bungalow: si tratta di costruzioni in legno, piccoli spazi in cui non sempre è prevista la presenza della cucina e dei servizi.

 
Ora ti presento alcune soluzioni più originali ed alternative che puoi pensare di adottare:
Tucul: una new entry molto in voga, si tratta di ampie tende a forma cilindrica ispirate a quelle utilizzate in molte aree dell’Africa orientale ma decisamente più modaiole.

Yurt : si tratta di un tipo di tenda a pianta rotonda di origine mongola ad oggi rappresentante una tenda di grandi dimensioni dotata di ogni tipo di comfort.

Pod: una sistemazione che racchiude in se il concetto di tenda e quello di bungalow. È costruita in legno scandinavo ed ha, per questo motivo, il grande vantaggio di rispettare l’equilibrio termico ideale, garantisce il fresco quando c’è caldo e il tepore quando il clima è rigido.

Teepee: in tal caso si va a scomodare nientepopodimeno che gli Indiani d’America, si tratta di tende coniche, molto fashion nei particolari ed estremamente curate nei dettagli.
 
Curiosità
Il concetto di campeggio inteso come esperienza ludica e ricreativa nasce in Inghilterra nei primi anni del ‘900 grazie all’intuizione di T.M Holding che propose di alternare una crociera in canoa lungo la Scozia a soste sulla terraferma da trascorrere in tenda. Egli fu anche il primo a proporre la nascita delle prime associazioni di campeggiatori, successivamente diffuse anche nel resto d’Europa (grazie wikipedia).
 
E chissà se Holding avrebbe mai immaginato che da lì a poco si sarebbe diffusa una nuova ed esclusiva forma di campeggio, nota come Glamping: il campeggio che diventa glamour.
Un campeggio elegante, pare di per se un ossimoro come concetto ma così non è.
In molti cercano una soluzione il più possibile lontano dalla realtà di tutti i giorni, in ambienti suggestivi, naturali e veraci senza rinunciare alla comodità e ad un pizzico di estro.
Così sono Glamping tutti quei campeggi in grado di fornire alternative sempre più eccentriche per dormire (vedi sopra Tucul, Pod, Teepe e Poropopò) e che non rinunciano all’eleganza e alla cura del dettaglio anche nel bel mezzo di un bosco o a ridosso del mare.
 
Punti di forza
Poter garantire un servizio personalizzato.
Comunicare con il cliente per indicargli la soluzione più in linea con la sua idea di vacanza.
 
Dotare i servizi comuni di appositi corredi adatti ai bambini: sanitari su misura, docce piccole e colorate, ristoranti con menù appositamente pensati per loro, questo si che è un quid pluris.
Come anticipato sono proprio le famiglie a prenotare nel tuo campeggio per cui comunicargli fin da subito la possibilità per i loro bimbi di essere autonomi, comodi e agevolati nelle piccole mansioni non può che giovare.
 
La sostenibilità: se hai o gestisci un campeggio metti in risalto l’aspetto relativo alla salvaguardia dell’ambiente e al rispetto che riservi nei confronti del territorio circostante. Comunicalo nel tuo sito, si tratta di un aspetto molto apprezzato da parte di chi predilige questo tipo di vacanza. Utilizza impianti alternativi ed ecologici per la produzione di acqua calda e per l’erogazione di energia elettrica, dotati di strumenti per l’illuminazione a basso consumo, attiva tutte le misure idonee per la limitazione dei consumi idrici, disponi il tuo market di prodotti biologici e di alimenti provenienti dalle persone del posto.
Tutte cose molto apprezzate da parte dei tuoi ospiti.
 
Criticità
La cosa più detestata di ogni campeggio che si rispetti è la poca pulizia dei servizi.
Recensita, temuta e detestata la scarsa igiene dei bagni dei campeggi è un vero e proprio deterrente per un gran numero di viaggiatori. Cura con attenzione questo aspetto. Predisponi servizi facilmente lavabili e incrementa il numero di pulizie giornaliere in base, anche, al livello occupazionale. Se hai dei bagni puliti, moderni e ben organizzati lo devi mostrare nel tuo sito e nelle tue brochure (nella pagina idonea).

Poca ombra. Se la natura non è stata generosa con le tue piazzole fai in modo di creare ampi spazi d’ombra in maniera artificiale (evita i tendoni effetto serra o più che ospiti avrai piantine di basilico). Dormire in tenda senza adeguata protezione dai raggi solari è davvero un’esperienza ostile. Previeni lamentele e afose dormite.
 
News

Ecco qualche dato sul mondo dei camping e dei villaggi.
 

 
Risorse Utili
Non possiamo che lasciarci con qualche lettura utile per il week end, se tempo, voglia e piacere lo concedono.

A proposito di target ecco qualche spunto dal mondo degli hotel: piccole idee per piccoli ospiti (Leggi)

È il 25 Maggio, ecco qualche accorgimento sulla nuova Privacy: GDPR e Google Analytics, buone pratiche per la conformità (Leggi)

Abitudini di viaggio degli Italiani rispetto a quelle degli stranieri: Turisti italiani vs turisti stranieri (Leggi)
 

Vuoi ricevere altre importanti news?

 

Iscriviti alla Newsletter

 
 
Ringraziamo per la foto il bellissimo Camping Village Ultima Spiaggia.

Scritto da: valeria

Resta aggiornato

Vuoi scoprire nuovi trucchi e consigli per ottenere di più dalla tua Struttura Ricettiva?

Con MyComp sei sempre sul pezzo!

Vuoi ricevere aggiornamenti sul mercato e sui finanziamenti statali per Hotel e altre strutture ricettive turistiche? Vuoi scoprire nuovi trucchi e consigli per lavorare al meglio nell’Hospitality?

Iscriviti alla nostra Newsletter!