• Trend e Curiosità
  • Tecnologia

Hospitality of Things – Tecnologia al servizio del tuo Hotel

 

C’è stato un momento, nel corso degli anni, in cui i viaggiatori hanno capito che avere una TV ad alta definizione nella camera dell’hotel non soddisfaceva più appieno le loro esigenze. Rimarrebbero ora sorpresi, invece, se in quella camera trovassero un assistente vocale a cui poter chiedere di accendere le luci, riprodurre Redemption Song di Bob Marley o metterli in contatto con la reception.

 

Se stai pensando che ho esagerato con l’Intelligenza Artificiale o con l’Internet of Things, ti dico che gli esempi che ho appena fatto sono tutti molto reali. Gli appassionati del settore mi daranno ragione e, anzi, li troveranno forse già un po’ noiosi.

 

Negli Stati Uniti, Inghilterra e Germania esiste uno speaker intelligente: si chiama Alexa, si illumina quando pronunci il suo nome e, oltre agli esempi sopra citati, può anche aumentare la temperatura del termostato, azionare la macchinetta del caffè o dirti che tempo fa. Alexa può assumere diverse forme e dimensioni. Quella che ho conosciuto io ha una forma cilindrica, è grande quanto il palmo di una mano e il suo costo varia tra i 45 dollari (Amazon Echo Dot) e i 130 dollari (Amazon Echo).

 

In Italia non è ancora disponibile ma per il 2018 si attendono grosse novità. Per ora potresti accontentarti di Google Home e iniziare a pianificare, per i tuoi ospiti, il viaggio nell’universo fantascientifico di Star Trek.

 

Ecco perché la TV in HD non sorprende più. Le aspettative dei tuoi clienti sono sempre più elevate e la tecnologia ti fornisce i mezzi per superarle.

 

La tecnologia per migliorare l’efficienza

Già nel 2014, uno studio di PWC mostrava come quella dell’ospitalità fosse la quinta industria con il più alto investimento in sensori tecnologici. A giudicare dai report e dalle notizie del settore, questo investimento è oggi fondamentale per garantire agli ospiti esperienze positive.

 

Check-in e check-out automatizzati
Al fine di migliorare la loro efficienza, per esempio, le strutture ricettive dovrebbero automatizzare il processo di check-in e check-out, consentendo allo staff di concentrarsi maggiormente sulle esperienze degli ospiti. Il segreto sta nel trovare il giusto equilibrio tra tecnologia ed interazione personale.

 

Il check-in senza chiave è destinato ad avere successo
Anche se ancora in tanti preferiscono parlare di persona con il front desk, il sogno di molti è quello di arrivare in hotel, stanchi dal viaggio, evitare lunghe attese al desk, andare direttamente in camera e aprirla semplicemente con lo smartphone, grazie ad un’app e ad una virtual key personalizzata.

 

L’Hotel Hilton è stato uno dei primi a dotarsi di questa tecnologia e, dopo aver introdotto l’applicazione Hilton Digital Key nel 2015, ha intenzione di installare il servizio di accesso senza chiavi in 2.500 hotel entro la fine del 2017.

 

L’Hotel Henn-na, in Giappone, è stato definito l’hotel più efficiente al mondo. Il motivo? È gestito interamente dai robot: sono loro ad accogliervi alla reception (un dinosauro, per essere precisi), loro a portarvi le valigie in camera e a rispondere a tutte le vostre esigenze.

 

Hotel Technology

 

L’ingresso nelle camere è garantito da un sistema di riconoscimento facciale, lo stesso utilizzato per il check in. I robot sono perfettamente in grado di interloquire con voi, sanno parlare più lingue, stabilire un contatto oculare e anche interpretare il linguaggio del corpo.

 

La tecnologia per risparmiare energia

Anche tu fai parte di quel gruppo di albergatori che si impegna nei programmi di sostenibilità ambientale e risparmio energetico?

 

Starwood Hotels & Resorts Worldwide, per esempio, regola l’illuminazione interna sulla base della luce naturale proveniente dall’esterno. Grazie alla tecnologia dei sensori di movimento, l’illuminazione può essere disattivata automaticamente o la temperatura ridotta quando una stanza non è occupata.

 

Ti piace ciò che leggi? Aiutaci a crescere! Basta cliccare Mi Piace qui sotto. Grazie.

 

 

La tecnologia per migliorare l’esperienza degli ospiti

Torniamo per un attimo alla nostra TV ad alta definizione. Non sarebbe fantastico se questa potesse dare consigli ai tuoi ospiti sui ristoranti locali e permettesse anche di prenotare pranzi, cene e aperitivi? Oppure segnalare l’assenza di un phon in camera? O magari noleggiare un’auto per il giorno successivo o prenotare un trattamento benessere nella spa dell’hotel o in quella immediatamente più vicina?

 

Sarebbe bello se tutto questo fosse possibile grazie ad un’app gratuita da scaricare sullo smartphone e non tramite un telecomando ingombrante di quella famosa TV in HD. Anche questo è possibile.

 

Anche se non c’è dubbio che la tecnologia rivestirà un ruolo di primo piano nel lavoro degli albergatori del futuro, c’è una cosa che un hotel non potrà mai sostituire: il contatto umano. La realtà è che le interazioni umane stanno diventando sempre meno comuni, ma le persone non sono ancora pronte a questo. Dedicare quindi un’attenzione particolare ad ogni ospite è, oggi, più apprezzato che mai.

 

Vuoi ricevere notizie come queste che hai appena letto? Iscriviti! non riceverai mai spam o qualcosa che non sia da te richiesto!

 

 



 

Resta Sempre Aggiornato