• Marketing

Hotel E-Mail Marketing: come, cosa, quando e perché

Tempo di lettura: 5 minuti

 

Per non perderti nessun aggiornamento sui finanziamenti di settore, sulle novità e sui tanti consigli per migliorare la competitività della tua struttura ricettiva, iscriviti alla newsletter!

 

 

Nel 2009, il Wall Street Journal, pubblicò un articolo per darci questa notizia: “L’email è ormai morta, il suo regno da regina delle comunicazioni è finito”. Poi numerose smentite. Negli ultimi dieci anni l’email è stata più volte data per morta ma siamo ben felici di affermare che l’email è oggi più viva che mai ed è anzi tra i canali di comunicazione più utilizzati ed apprezzati da aziende e clienti.

 

Gli account di posta elettronica esistenti oggi sono più di 4,35 miliardi, un numero in continuo aumento che dovrebbe raggiungere i 5,59 miliardi entro il 2019 (Radicati Group).

 

Sfatato quindi il mito dell’email quale strumento ormai superato e in disuso, passiamo subito a tesserne le lodi. L’email marketing o DEM (Direct Email Marketing) è una delle prime forme di marketing diretto utilizzate su Internet e nonostante sia la forma di digital marketing più vecchia, non è di certo la meno efficace. Una strategia di email marketing ben fatta può aiutarti a raggiungere alcuni degli obiettivi più importanti per un hotel: acquisire più clienti, fidelizzare quelli già acquisiti, incrementare il numero di prenotazioni e vendere di più. L’email è un modo molto personale e diretto per raggiungere le persone e le ricerche ci suggeriscono che è anche uno dei canali di acquisizione clienti più in rapida crescita: si prevede che alla fine di quest’anno ci saranno al mondo ben 4,3 miliardi di utenti.

 

Con MyComp l’email marketing per hotel è semplice ed efficace

 

 

Sempre per quanto riguarda l’acquisizione clienti, la posta elettronica è 40 volte più efficace di Facebook e Twitter. Sai perché? Il motivo è semplice: se ci pensiamo bene le email sono rivolte a persone che sanno già quello che vogliono, che già conoscono la tua struttura e che apprezzano quello che il tuo hotel offre. L’email è anche uno strumento più facilmente controllabile rispetto ai social network che sono in rapida e continua evoluzione. Certo, anche le email e il modo in cui le utilizziamo cambiano, ma i criteri di base per il loro utilizzo rimangono per lo più coerenti, nonostante i metodi per il loro invio siano sempre più sofisticati.

 

jellymetrics

Ritorno dell’investimento sui principali canali di digital marketing. Fonte JellyMetrics 2016

 

Vediamo quindi come utilizzare l’Email Marketing per costruire un rapporto a lungo termine con i contatti che hai già acquisito, attirandoli nuovamente sul sito del tuo hotel e facendo in modo che ti scelgano ancora. Qui puoi trovare alcuni consigli per impostare una strategia di email marketing per hotel di successo.

 

Scegli un adeguato software di email marketing

Il primo consiglio che ti diamo è quello di dotarti di un software professionale per gestire la tua attività DEM, in modo da poter gestire al meglio l’invio delle tue newsletter e le tue campagne. Parti dal presupposto che non puoi prescindere da questo se vuoi che la tua campagna di email marketing sia efficace: utilizzando infatti un normale programma di lettura e invio email molti dei messaggi che invii potrebbero finire nella casella spam dei tuoi destinatari.

 

Ad esempio MailChimp, è uno strumento semplice ma potente. Si tratta di un software web-based, cioè è completamente online e non c’è bisogno di scaricare e installare niente sul PC (sarà sufficiente registrarsi sul sito www.mailchimp.com fornendo i tuoi dati). È un tool gratuito fino a 2.000 contatti email e consente di creare in modo intuitivo campagne anche a chi non è espertissimo. Come tutti i software ha i suoi pro e i suoi contro, ma se vuoi gestire in modo semplice le tue newsletter e campagne di email marketing, creando email graficamente ben impostate, differenziando le campagne e ottenendo statistiche dettagliate, è senza dubbio una buona soluzione.

 

use-of-responsive-email-design-sector
Uso ed efficacia dell’email marketing responsive, per settore. Fonte Getresponse

 

Comunica in modo chiaro quello che stai offrendo

La chiarezza del messaggio potrebbe perdersi quando si cerca di essere troppo creativi o troppo prolissi. È vero che il sovraccarico delle caselle di posta e i numerosi messaggi di spam che riceviamo ogni giorno ci fanno capire che per attirare l’attenzione dei nostri destinatari dobbiamo cercare di essere un po’ più creativi, ma attenzione a non esagerare, la semplicità è la strategia migliore. Se per esempio un cliente si è appena iscritto alla tua newsletter, la cosa migliore da fare sarà inviargli un’email di ringraziamento per evidenziare l’avvenuta registrazione e dirgli esattamente che cosa succederà da quel momento in poi. Comunica esattamente quello che riceverà (aggiornamenti, offerte, coupon, sconti, ecc.) e con quale frequenza. Gli invierai notizie sul tuo hotel o su eventi locali? Gli invierai offerte e pacchetti esclusivi stagionali? Oppure pacchetti personalizzati sulla base delle preferenze comunicate o censite sul tuo sistema CRM?

 

C’è da sbizzarrirsi insomma, ma ricordati sempre le parole d’ordine: chiarezza e semplicità del messaggio. Ah, ricorda anche la responsività. Ormai è banale dirlo, ma mai scontato.  I messaggi mail che invii ai tuoi utenti devono (non “dovrebbero“) essere leggibili da qualsiasi dispositivo, desktop, tablet, smartphone. Senza se, senza ma. 

 

Ad ognuno il suo messaggio

La tua mailing list sarà sicuramente composta da diverse tipologie di clienti: i viaggiatori solitari, le famiglie, quelli che viaggiano con gli amici, chi viaggia per affari, le coppie, e così via. Se tu invii la stessa email a tutti è impossibile che il tuo messaggio arrivi a tutti allo stesso modo e, di conseguenza, i tassi di conversione si abbasseranno facendoti perdere molti possibili clienti.

 

Per sviluppare quindi una strategia di email marketing che funzioni davvero devi lavorare sulla segmentazione dei tuoi contatti, raggruppare cioè in gruppi più piccoli, omogenei, le persone aventi esigenze e abitudini simili e che sono quindi potenzialmente interessate ad uno stesso tipo di offerta o evento che promuovi. Così facendo potrai inviare email basate sui loro interessi senza rischiare di annoiare e allontanare tutti gli altri utenti non interessati a quel preciso messaggio.

 

Ma come fai a scoprire che tipo di viaggiatore si nasconde dietro un contatto? Se si tratta di una persona che ha già soggiornato presso la tua struttura ovviamente il problema non si pone, ma potrebbe trattarsi di qualcuno che ha sentito parlare del tuo hotel o che, vedendo qualche foto, se ne sia interessato e abbia deciso di iscriversi alla tua newsletter. In questo caso, in fase di iscrizione, cerca di ottenere alcune informazioni aggiuntive come per esempio l’età (chiedendo la data di nascita) o i motivi che lo spingono a viaggiare. Anche qui fai molta attenzione a non fare troppe domande che potrebbero scoraggiare l’utente ancor prima che completi l’iscrizione. Se utilizzi un software professionale per l’invio delle tue email, fare un buon lavoro di segmentazione non sarà affatto difficile, potrebbe anzi risultare divertente e sarà un ottimo modo per conoscere meglio i tuoi clienti passati, attuali e futuri. Inoltre, attraverso l’utilizzo di un software per il Booking degli Hotel come MyGuestCare, ti permette di compiere questo lavoro con pochi click, estraendo dal sistema per il booking tutti i profili degli utenti che hanno interagito (siano essi clienti o prospect) con te e la tua struttura, raggruppandoli in gruppi omogenei. Richiedi una prova, vedi tu stesso come creare gruppi omogeni per lingua, capacità di spesa, tipologia, età, provenienza, etc.

 

Le relazioni sono il futuro delle interazioni con gli ospiti

Le nostre caselle di posta elettronica sono piene di email di marketing, di messaggi in cui qualcuno cerca di venderci qualcosa in modo anche molto insistente. Sono tante le strategie di email marketing che si basano solo sulla costante pressione nei confronti dell’utente per spingerlo ad acquistare qualcosa, senza prima aver costruito con lui un rapporto ed essersi guadagnati la sua fiducia. Per questo motivo hai bisogno di differenziarti e costruire con i tuoi contatti una relazione solida prima di inviargli messaggi in cui lo inviti a scegliere te, prenotare le tue stanze e affidarsi ai tuoi servizi. Ricordati che la strategia di email marketing deve legarsi perfettamente agli altri strumenti quali sito, blog, social e così via, che ti aiuteranno a costruire quella relazione di cui stiamo parlando.

 

Una volta costruito questo rapporto puoi inviare tranquillamente email contenenti messaggi di marketing perché solo allora i tuoi contatti saranno più propensi a prenotare nel tuo hotel e ad acquistare i tuoi servizi e non quelli dei tuoi concorrenti.

 

La filosofia che sta alla base della tua strategia di email marketing è quella di “non inviare messaggi solo quando hai uno sconto o una promozione da proporre”, perché il web marketing in hotel deve avere una caratteristica fondamentale: la continuità.

 

Per chiudere la lista dei passaggi fondamentali da seguire per impostare una strategia di email marketing che funzioni manca un bel focus sui contenuti, lo stile e la formattazione dei messaggi che invii. Abbiamo già detto che il messaggio deve essere semplice e chiaro, ma anche la formattazione gioca un ruolo fondamentale. Scegli con cura font, stile, colori ed eventuali elementi grafici da inserire nel testo dell’email, che siano coerenti (mi raccomando, questo è un aspetto molto importante) allo stile della pagina o della landing page a cui vuoi rimandare. Il messaggio dell’email e il messaggio della pagina di destinazione devono corrispondere, altrimenti finirai per confondere i tuoi destinatari. Costruisci un template ad hoc e posiziona poi le call to action in modo strategico: non sottovalutare questi dettagli perché possono davvero fare la differenza e determinare la buona riuscita o meno della campagna stessa.

 

Con l’editor drag & drop presente all’interno di MyGuestCare realizzerai le tue email in poche mosse

 

 

 

Chiudiamo con un elemento che non dovrebbe trovarsi in chiusura di articolo ma sempre in cima e in evidenza: l’oggetto dell’email. Così breve ma così essenziale che scegliere le parole giuste da inserire in quel box è quasi un’arte. Certo che l’oggetto di un’email ha un’enorme responsabilità sulle spalle! Basta immaginare che normalmente impieghiamo una frazione di secondo per decidere se aprire o ignorare le innumerevoli email che riceviamo ogni giorno: ecco perché un oggetto ben scritto può davvero fare la differenza.

Se hai bisogno di un consiglio noi di MyComp possiamo aiutarti ad analizzare l’efficacia delle tue newsletter o possiamo aiutarti a creare da zero la migliore strategia di email marketing per il tuo hotel.

 

RESTA AGGIORNATO E COMPETITIVO!

 



 

Resta Sempre Aggiornato