Facebook City Guides for Hotels
  • Social Media

La rivoluzione Travel di Facebook

 

“Il Travel è la più grande categoria su Facebook: il 40% delle persone condivide contenuti inerenti ai viaggi”.

Questo è quello che si è raccontato durante uno degli ultimi BTO e si tratta, in effetti, di un dato facilmente riscontrabile anche nella nostra quotidiana navigazione sul social network.

 

Sono molti i marketer del settore convinti che Facebook abbia il potenziale per essere una delle principali piattaforme nel settore dei viaggi. La società californiana sta infatti iniziando ad offrire una serie di opportunità di vendita e prenotazione diretta per gli hotel da non sottovalutare se gestisci una struttura ricettiva.

 

Sto parlando della nuova funzionalità di Facebook che si chiama City Guides, uno strumento di pianificazione del viaggio all’interno dell’app che può essere utilizzato per scoprire alberghi, ristoranti ed esperienze in varie città, in base alle raccomandazioni ed alle attività degli amici.

 

Il principale vantaggio delle City Guides di Facebook è proprio quello di offrire consigli basati sulla rete sociale di ogni utente: ognuno di noi si fida più del consiglio di un amico che delle opinioni di uno sconosciuto e siamo quindi più inclini a visitare i luoghi consigliati da chi fa parte del nostro network diretto.

 

Ti mostro subito uno screenshot per capire di cosa parlo.

 

Facebook City Guides for Hotels

 

Come vedi, il tuo hotel può comparire nella lista degli “alberghi consigliati”. In questa stessa pagina un utente visualizza anche altre informazioni generiche riguardanti il punteggio assegnato dagli ospiti alla tua struttura, la fascia di prezzo e gli amici della tua rete che hanno avuto interazioni di qualsiasi tipo con l’hotel (like alla pagina o visite reali).

 

Oltre a funzionare come strumento di pianificazione, City Guides è anche uno strumento di prenotazione diretta, grazie al bottone call to action “Prenota subito”, che rimanda al booking engine dell’hotel, ma al momento questo è utilizzato ancora da pochi alberghi. Se non hai la possibilità di rimandare direttamente al tuo booking engine, puoi comunque inserire un contatto telefonico che, come detto più volte, è anch’esso un potente strumento di prenotazione diretta. Per approfondire: Il cliente telefona in hotel? Ecco come rispondere (e monetizzare).

Trovi la possibilità di navigare le city guide utilizzando la tua app di Facebook, navigando il menù di esplorazione e cercando (qualora fossi tra gli utenti beta) la voce City Guides, come vedi qui sotto.

 

Facebook City Guides

 

Facebook City Guides for Hotels

 

In quest’ottica Facebook rientra certamente in quelli che abbiamo definito “momenti per ispirarsi” durante il processo di pianificazione del viaggio.

 

Un potenziale rivale di Google?

Uno degli indubbi punti di forza di Facebook è il suo ruolo di influencer in ogni settore. Poco più della metà degli utenti di Facebook (52%) dichiara che le foto degli amici sono fonte di ispirazione per i loro viaggi, ed è proprio in queste prime fasi di pianificazione che Facebook potrebbe guadagnare una grossa fetta di mercato. Nonostante questo, Google rimane ancora l’opzione più ambita nelle fasi di ricerca e pianificazione di un viaggio.

 

Detto questo, City Guide agirà da concorrente diretto allo strumento di pianificazione di Google, Google Trips. Ma con l’aggiunta di una funzione di prenotazione diretta, City Guides offre ai viaggiatori un qualcosa in più: la possibilità di passare dalla fase di ispirazione a quella di prenotazione del viaggio all’interno della stessa piattaforma. L’arrivo di City Guide, che ora è in fase beta, seppure molto allargata, è prevista nei prossimi mesi.

 

Google, dal canto suo, sta comunque introducendo importanti aggiornamenti e nuove funzioni nella sua applicazione e noi continueremo a seguire questa sfida molto volentieri.

 

Opportunità di marketing per gli hotel

Secondo uno studio condotto da Facebook, il tempo medio di permanenza di un utente sul social, durante la fase di pianificazione di un viaggio, è cinque volte superiore a quello di ogni altro sito web di viaggi o app. Questo livello di esposizione così elevato rappresenta per gli albergatori un’importante opportunità per coinvolgere i potenziali ospiti con contenuti rilevanti, durante la loro fase di pianificazione del viaggio. Opportunità ulteriormente rinforzata l’anno scorso con l’uscita della piattaforma pubblicitaria specifica di Facebook, Dynamic Ads for Travel (DAT).

 

Due terzi degli oltre 1,8 miliardi di utenti mensili visitano Facebook ogni giorno. Questo rende il social network uno spazio unico per gli hotel, in cui impostare un contatto continuo con gli utenti e influenzare ogni fase del loro processo decisionale. Ci sono molti modi per migliorare il tuo marketing su Facebook, anche grazie alle sue opzioni di targeting e segmentazione del pubblico altamente affinate. La capacità di segmentazione del tuo pubblico con filtri come l’età, il sesso, la posizione e gli interessi personali può essere estremamente efficace. Un consiglio? Prova a targetizzare i tuoi utenti utilizzando questi interessi (disponibili con Facebook in lingua inglese) all’interno del tuo account inserzioni:


– Leisure Traveler
– All Frequent Travelers
– Upscale Travel and Services
– Family Vacation
– Frequent International Travelers

 
Si tratta di interessi, per l’appunto, specifici, riferibili ad utenti che utilizzano i social media della famiglia Facebook e che hanno palesato un’attenzione particolare nei confronti dei viaggi e delle vacanze. Risponderanno più facilmente, ed in maniera positiva, alle tue inserzioni pubblicitarie.

 
Per approfondire: Facebook per Hotel – guida alle tipologie di pubblicità

 

Con l’inserimento di contenuti coinvolgenti, la creazione di nuove tipologie di annunci pubblicitari sempre più mirati, il lancio delle nuove City Guides e i continui aggiornamenti, Facebook sta dimostrando di essere una piattaforma sempre più in grado di prevedere e incontrare le esigenze dei viaggiatori moderni e sempre più travel.

 

Una piattaforma di prenotazione diretta che tutte le strutture ricettive farebbero bene a sfruttare.

 

Vuoi ricevere più articoli come questo che hai appena letto?



 

Resta Sempre Aggiornato